Come arredare al meglio un monolocale

Arredare un monolocale è un’impresa che, nonostante quello che si tende a pensare, può rivelarsi molto divertente. Quando ci si trova davanti alla necessità di arredare un appartamento così piccolo spesso ci si scoraggia, pensando alle difficoltà che si incontreranno nella scelta degli arredi e, soprattutto, nella disposizione e nella selezione dei colori.

Si tratta di aspetti che non vanno assolutamente trascurati quando si parla di arredamento dei monolocali, situazioni logistiche che necessitano di un’ottimizzazione molto studiata degli spazi. Il rischio, infatti, è quello di dare corpo a degli ambienti asfittici e per nulla piacevoli.

Il monolocale invece deve essere un luogo dove stare bene, un piccolo nido perfetto per lavorare e per ospitare le persone più importanti a cena o per un aperitivo. Come arredarlo nel migliore dei modi? Ecco qualche consiglio che abbiamo selezionato.

  • Attenzione al colore delle pareti: il colore delle pareti è uno dei primi aspetti da curare quando si progetta l’arredamento di un monolocale. In questi casi si tende a prediligere le pareti di colori chiari. La scelta più congeniale è il bianco ottico, l’opzione migliore per accentuare la spazialità globale e per dare respiro anche agli ambienti più contenuti.
  • Zona giorno e zona notte? Separatele in maniera creativa: la zona giorno e la zona notte dovrebbero essere separate. Questa regola rappresenta un consiglio molto interessante per vivere in maniera confortevole gli spazi, per evitare il disordine e per conservare quella serenità psicologica che deriva dalla possibilità di avere un po’ di privacy, cosa necessaria soprattutto per chi è in coppia. In questo caso ci sono tante soluzioni e quelle creative sono davvero interessanti! Si può separare la zona notte dalla zona giorno con una libreria di piccole dimensioni, oppure con una tenda sottile.
  • Sfrutta l’altezza: un consiglio molto importante quando si arreda un monolocale consiste nello sfruttare l’altezza. Spazio quindi a soppalchi, ma anche a librerie a scalini che possono essere sfruttate anche per raggiungere degli spazi sopraelevati, come per esempio le parti alti dell’armadio. Davvero si può lasciare spazio alla creatività e rendersi conto che in un monolocale, se si progetta l’arredamento con la giusta attenzione, può davvero entrare un mondo. Provare per credere!
  • Valorizza anche gli spazi più piccoli: per arredare un monolocale nel migliore dei modi vanno valorizzati anche gli spazi più piccoli. In che modo? Le soluzioni sono tantissime! Si può appendere una scarpiera di stoffa a un muro o a una parete di un armadio, ma anche sistemare una pianta particolarmente importante su un davanzale per non lasciarlo vuoto. In tutto questo, anche per quanto riguarda le piante e gli accessori, è il caso di puntare sui colori chiari, che rendono gli ambienti ariosi e meno pesanti.
  • Tavolo? Sceglietelo con il piano trasparente: una soluzione per dare più respiro agli ambienti di un monolocale consiste nella scelta di un tavolo con il piano trasparente. Si tratta di una soluzione esteticamente raffinata, che permette di mettere in primo piano una leggerezza fondamentale quando si tratta di organizzare gli spazi di un monolocale. Il senso di spazialità può essere ottimizzato posizionando sulla parete di fronte al tavolo un bello specchio. Scommettiamo che state già immaginando l’effetto finale?
  • Punta sul bianco e su un altro colore: il monolocale non è la situazione migliore per dare spazio a dell’eclettismo dal punto di vista dell’arredamento. Questo significa dare spazio solo a poche cromie. Ci si può concentrare sul bianco e massimo su un altro colore, per esempio una tinta pastello come l’azzurro.

Arredare un monolocale non è affatto difficile! Come vedete bastano pochi accorgimenti per cambiare idea e aprire un mondo creativo a dir poco speciale, perfetto per personalizzare uno spazio di piccole dimensioni ma dove è fondamentale sentirsi a proprio agio! Cosa ne pensate? Avete qualche consiglio da aggiungere a questi suggerimenti?

Lascia un commento

Carrello
Torna su