0721.482700info@casaarredostudio.itIl magazine sull'arredamento di CasaArredoStudio

Come scegliere le migliori sedie ergonomiche da ufficio

I mal di schiena e i dolori muscolari fanno parte delle malattie e disagi di nuova generazione. Sono infatti dovuti alla vita sedentaria da ufficio, che ci costringe seduti al PC per almeno 8 ore al giorno.

Chi fa parte di questa categoria lo sa bene: stare seduti a lungo è logorante per la schiena, le gambe, le braccia. Soprattutto per chi soffre di cattiva circolazione, il risultato sono piedi e mani fredde. Per tutti gli altri dolori alla schiena e rigidità muscolare.

I problemi legati al “disturbo da PC” hanno generato una maggiore consapevolezza riguardo i danni causati dalla vita sedentaria, ponendo il focus sulla corretta postura da mantenere in ufficio e sulla nascita di sedie ergonomiche posturali, che riescono a migliorare la qualità della seduta e ridurre i mal di schiena.

Una sedia da ufficio ergonomica ti aiuta a mantenere la corretta postura, fondamentale per la salute del nostro corpo e della spina dorsale.

Qual è la postura corretta? Schiena dritta, testa allineata al collo, piedi ben appoggiati a terra con tutta la pianta, ginocchia e gomiti che formano un angolo di 90 gradi.

Scopriamo insieme quali sono le caratteristiche delle migliori sedie ergonomiche da ufficio.

Poltrona da ufficio Penty

Poltrona da ufficio Penty

Perché le sedie ortopediche sono fondamentali per una postura corretta in ufficio

Mantenere la corretta postura ti risparmia diversi doloretti e irrigidimenti muscolari, oltre alla spesa di un fisioterapista tra dieci anni.

Per sedersi in modo corretto non va bene una sedia qualsiasi. Al contrario è necessaria una sedia ortopedica, che deve avere queste caratteristiche:

  • Le ruote, per permetterci di muoverci avanti e indietro assecondando i nostri movimenti. Per esempio se dobbiamo prendere un foglio nella parte più lontana della scrivania.
  • L’altezza regolabile, in modo che si possa adattare la sedia alla propria corporatura. Infatti – nota bene – per la corretta postura dobbiamo avere entrambe le piante dei piedi appoggiate a terra formando un angolo di 90° tra polpaccio e coscia.
  • Braccioli regolabili, per sostenere le braccia mentre scriviamo alla tastiera.
  • Schienale inclinabile, per offrire il giusto supporto lombare.
  • Seduta scorrevole, perché l’intera coscia deve appoggiare sulla sedia.

Le caratteristiche delle sedie ergonomiche per PC

È il momento di approfondire le caratteristiche delle sedie ergonomiche da ufficio e per PC.

La prima grande qualità è l’estrema adattabilità delle sedie ergonomiche: devono adattarsi in tutto e per tutto alla corporatura di chi la occupa, regolando l’altezza, lo schienale, la seduta.

Tra le caratteristiche base di una sedia ergonomica ci sono l’altezza del sedile e la presenza delle ruote.

La prima è regolata attraverso una leva che ci permette di trovare la posizione ideale, che corrisponde a una postura in cui entrambi i piedi sono ben appoggiati a terra e le la gamba forma un angolo di 90° in corrispondenza del ginocchio. Quando la sedia è troppo alta o troppo bassa, si esercita una pressione su schiena e gambe che a lungo andare comporta dolori e irrigidimenti.

La base deve avere cinque piedi con rotelle, in modo da non doversi alzare ogni volta che si deve raggiungere un cassetto o un ripiano più lontano.

È importante anche che l’imbottitura della sedia abbia una buona densità per garantire il comfort migliore possibile. Oltre alla densità dell’imbottitura, le migliori sedie ergonomiche da ufficio hanno anche la possibilità di far scorrere il sedile avanti o indietro, a seconda della corporatura dell’occupante. Infatti, le ginocchia non dovrebbero sporgere più di 3 o 4 dita dalla seduta del sedile.

Un’altra caratteristica fondamentale delle sedie ergonomiche è il supporto lombare. Infatti, senza un sostegno adeguato la nostra schiena incomincerà ad avvertire un peso eccessivo da sostenere, con conseguenti dolori.

Poltrona da ufficio New York

Poltrona da ufficio New York

Che cosa sono le sedie da ufficio con poggia ginocchia?

Se ti nominiamo il modello più famoso di sedia da ufficio con poggia ginocchia, capirai subito di cosa si tratta.

Stiamo parlando della (Stokke) Varier Variable, dalla caratteristica seduta priva di schienale e con un poggia ginocchia che ti mantiene le gambe con un angolo di 25°.

In realtà esistono modelli di sedie da ufficio con poggia ginocchia sia con schienale che senza. La stessa Varier produce anche modelli con schienale.

Il poggia ginocchia non fornisce solo un supporto per le ginocchia, ma ci obbliga a mantenere una postura più indicata per la colonna vertebrale. Inoltre, il poggiaterra tondeggiante, alla stregua delle sedie a dondolo, asseconda ogni nostro movimento.

Questo tipo di sedia richiede qualche giorno di assestamento prima di risultare comoda e rendere evidenti i suoi benefici. Inizialmente, infatti, questa postura può risultare innaturale e fastidiosa, semplicemente perché non ne siamo abituati, come quando cambiamo il materasso.

Poltrona Helsinky

Poltrona Helsinky

Sedia da ufficio e mal di schiena?

Le cause del mal di schiena legate alla vita di ufficio sono in genere tre, anche concomitanti tra loro:

  • la vita sedentaria
  • sedie inadeguate, non ergonomiche
  • una postura errata
  • la tensione psicologica, che si propaga al fisico

Come vi si può porre rimedio?

Innanzitutto cercando di fare attività fisica almeno nel tempo libero: fitness, jogging, una bella camminata… Pilates ed esercizi mirati per la schiena, se fatti quotidianamente, possono dare una svolta alla situazione. Anche il materasso e il cuscino con cui dormiamo influiscono molto sulla salute della nostra schiena.

Tuttavia, una delle prime cose a cui fare attenzione, quando si ha mal di schiena, è la sedia da ufficio, che è la nostra compagna fedele per otto ore al giorno.

La sedia da ufficio per il mal di schiena deve essere ergonomica, e le sue caratteristiche devono corrispondere a quelle elencate nei paragrafi precedenti: gambe con rotelle, altezza regolabile, schienale reclinabile, seduta scorrevole, braccioli regolabili.

Tuttavia, una sedia ergonomica è inutile se non si osservano le buone norme per stare seduti davanti al PC.

La corretta postura prevede che stiamo seduti con la schiena dritta, i piedi ben appoggiati a terra, le gambe a formare un angolo di 90°, così come le braccia mentre scriviamo alla tastiera. Lo schermo deve essere alla distanza di un braccio allungato, e deve essere posto a un altezza tale che il nostro collo rimanga in posizione diritta, senza essere inclinato né in basso né in alto.

Arredamento per ufficio completo

Le migliori sedie ergonomiche da ufficio

Dedichiamo questo paragrafo alle Rolls Royce delle sedie da ufficio, ovvero i migliori modelli sul mercato. I prezzi sono abbastanza proibitivi, per fortuna esistono modelli ottimi con un prezzo minore.

Sedia Ergonomica Stokke Variable Balans di Varier

La famosissima sedia Stokke Varier si basa sull’active sitting. In parole semplici, il concetto è che il corpo non può trovare equilibrio in posizione statica, quindi per favorire la comodità e uno stato di concentrazione, è più performante una sedia che possa supportare il corpo nel movimento.

Ecco come nasce la sedia Stokke, che alla base ha un piedistallo basculante, come quello delle sedie a dondolo. Inoltre, i piedi non vengono appoggiati a terra in una posizione fissa e, diciamocelo, scomoda, ma vengono tenuti in sospensione grazie al poggia ginocchia.

Herman Miller Aeron

La sedia re del comfort, tanto che esserci seduti sopra è come galleggiare a mezz’aria. Il tessuto a rete è traspirante e offre grande sollievo alla schiena. La sedia Aeron è apprezzata anche per il design classico, che si addice anche a uffici presidenziali.

 

Siamo sicuri che, se stavi pensando di cambiare la tua sedia per l’ufficio, dopo questo articolo ti sarai deciso definitivamente. Sei in cerca di ispirazione? Sfoglia il nostro catalogo di sedie da ufficio.

Sara
Sara
Per complicarmi la vita dopo la laurea in lettere sono riuscita a non diventare né giornalista né professoressa. Invece, appassionata di interior design, dal 2013 mi occupo di copywriting scrivendo per blog e testate che si occupano di arredamento.
Ultimi articoli

Scrivi un commento

Contattaci!

Contattaci per un'informazione, un suggerimento, un acquisto..

Not readable? Change text. captcha txt
Shares
idee per comodini alternativipulizia del parquet