Madia e credenza: conosci le differenze?

Quando si parla di arredamento d’interni, per cavarsela al meglio con le scelte degli elementi e dello stile in generale è bene conoscere alcune differenze fondamentali. Una di esse è la differenza tra madia e credenza.

I due elementi, essenziali per rendere confortevoli gli spazi di casa, non sono affatto uguali anche se spesso vengono confusi tra loro.

 

Cos’é la madia?

La madia è un mobile nato sulla scia delle tradizioni di campagna.

Mobile caratterizzato da una forma rettangolare, veniva utilizzato inizialmente per impastare il pane. Una delle caratteristiche principali di questo elemento d’arredo è la presenza di un ripiano superiore.

credenza madia differenze principali

Nei decenni passati, era possibile sollevarlo per conservare il pane dopo averlo impastato. Ovviamente da allora di acqua sotto i ponti ne è passata. La madia si è trasformata nel corso del tempo.

 

Dove si colloca la madia oggi?

Oggi la troviamo soprattutto in sala da pranzo o in soggiorno.

differenza madia credenza

In questi contesti indoor, viene utilizzata per creare degli angolini speciali anche grazie a oggetti d’arte, vasi, soprammobili e, ovviamente, a qualche quadro sulla parete.

 

Cos’è la credenza?

La credenza è un’altra alleata dell’arredamento d’interni organizzato!

Nata anch’essa in ambiente contadino – siamo in Emilia Romagna nel ‘600 – viene spesso utilizzata per ospitare stoviglie.

Originariamente, con il termine “credenza” si inquadrava un mobile basso e lungo, collocato nella sala dedicata ai banchetti con l’obiettivo di dare la giusta visibilità ai cibi.

Questa sua peculiarità la differenzia ancora oggi dalla madia. La credenza, infatti, è un mobile piatto che viene usato per riporre bicchieri, piatti e altre stoviglie.

Di varianti ne esistono diverse e non è raro vederle anche in sala da pranzo. Giusto per fare un esempio, ricordiamo la possibilità di scegliere anche la versione cristalleria, mobile con ante a battente caratterizzato dalla presenza di un’alzata.

cosa cambia credenza e madia

Anche la credenza nel corso del tempo si è evoluta molto, conservando però le sue peculiarità strutturali.

 

Come si usa la madia oggi?

Oggi possiamo adattarla a diversi stili di arredamento. In generale, però, è bene ricordare che si parla di un mobile particolarmente adatto a contesti arredati in maniera tradizionale e povera.

credenza madia differenze principali

 

La credenza Francese

Parlare di credenza vuol dire, per forza di cose, fare un piccolo pensiero anche al… buffet! No, non si tratta di qualcosa che ha a che fare con il cibo!

Con questo termine, infatti, si identifica la classica credenza francese, la cui introduzione risale al XVII secolo.

Basso e lungo, anche questo mobile è cambiato nel tempo e, al giorno d’oggi, fa bella mostra di sé in numerosi contesti, che si distinguono soprattutto per l’arredamento d’impronta classica!

Lascia un commento

Carrello
Torna su